Trovare la miglior piattaforma di e-commerce per le esigenze della tua azienda

trovare la migliore piattaforma di e-commerce
Sono pronto per iniziare oppure ho già il mio negozio di e-commerce.
Ho delle domande e vorrei una consulenza da un esperto di e-commerce.
Contatta il team di vendita

Quando avvii la tua attività online, una delle decisioni più importanti sarà scegliere una piattaforma di e-commerce che garantisca una crescita scalabile e a lungo termine.

Comprensibilmente, questa decisione ha implicazioni di ampio respiro:

  • Aiutare i clienti che interagiscono con il tuo brand a ottenere il prodotto di cui hanno bisogno nel modo più semplice e diretto possibile.
  • Fornire ai dipendenti i dati e gli strumenti necessari per implementare le strategie della campagna.
  • Proteggere i profitti in termini di crescita delle vendite, oltre che di costi di manutenzione e installazione.

Diamo un'occhiata ai fattori da prendere in considerazione per la scelta di una piattaforma di e-commerce e ad alcune soluzioni tra le più diffuse.

Cos'è una piattaforma di e-commerce?

Una piattaforma di e-commerce è un'applicazione software che consente alle aziende online di gestire il proprio sito web, le attività di marketing e vendita e le operazioni in generale.

Le piattaforme come BigCommerce offrono funzionalità di e-commerce complete, integrandosi allo stesso tempo con gli strumenti aziendali comuni per consentire alle aziende di centralizzare le operazioni e gestire l'attività come desiderano.

Perché utilizzare una piattaforma di e-commerce?

Che tu stia espandendo un negozio fisico, cercando una soluzione utile per tutti i reparti aziendali o persino avviando un'attività da zero, il tuo software di e-commerce ha un enorme impatto sulla redditività e sulla stabilità della tua organizzazione.

Le sole alternative a una piattaforma di e-commerce sono:

  • Crearne una da zero, un compito al di fuori della portata della maggior parte delle aziende e giustificabile solo per le imprese più grandi senza problemi di budget.
  • Usare un plug-in, soluzione non ideale se stai cercando di costruire e far crescere un'attività legittima, anche di piccole dimensioni.

Quali sono le opzioni a mia disposizione per una piattaforma di e-commerce?

I tipi principali di piattaforma di e-commerce sono tre: 

  • Open source
  • SaaS (software-as-a-service)
  • Headless commerce

Piattaforme di e-commerce open-source

Ambiente di hosting: cloud o locale, anche se tutte le patch e gli aggiornamenti della piattaforma richiedono l'implementazione manuale a livello globale.

Le piattaforme di e-commerce open source sono soluzioni in cui è possibile modificare tutti gli aspetti del codice.

Questo tipo di piattaforma è diffuso tra le organizzazioni con reparti IT e di sviluppo molto attivi e capaci che desiderano controllare il loro ambiente di e-commerce.

Se usi una piattaforma di e-commerce open source, sarà il tuo brand a essere responsabile dei seguenti aspetti:

  • Conformità PCI.
  • Hosting (a seconda che la tua soluzione open source sia locale o sul cloud).
      Le soluzioni open source sul cloud differiscono da quelle locali solo per il fatto che l'ambiente di hosting è offerto dal tuo provider e gestito in una sede esterna.
      A differenza di una soluzione SaaS, un ambiente cloud non ti offre una larghezza di banda illimitata. Chiedi informazioni sulle quote di larghezza di banda specifiche, in particolare se stai valutando Magento o Volusion.
  • Patch manuali e versioni di aggiornamento dal provider della piattaforma.
  • Problemi di sicurezza.
  • Controlli qualitativi per tutte le applicazioni aggiuntive, tra cui spesso le integrazioni con questi sistemi e strumenti:
      ESP
      CRM
      CMS
      ERP
      Analisi e business intelligence
  • La creazione di nuovi strumenti per il sito, tra cui spesso:
      Motori per sconti e promozioni
      Strumenti di merchandising e marketing (ad es. le funzionalità SEO e il marketing tramite e-mail)
      Strumenti di progettazione drag-and-drop

Per molti brand, le piattaforme di e-commerce open source sono troppo complesse e costose da mantenere e richiedono troppe conoscenze tecniche.

Per tale motivo, l'interesse si è spostato in gran parte verso gli altri due tipi di piattaforme di e-commerce:

  • SaaS
  • Headless commerce

In effetti, le piattaforme di e-commerce open-source ospitate sul cloud (ovvero non in sede) rappresentano oggi solo il 46 % delle opzioni prese in considerazione dai grandi brand di e-commerce.

Il motivo è semplice.

In media, le piattaforme e i siti di e-commerce open source hanno un costo di proprietà annuale 6 volte superiore rispetto ai modelli SaaS o headless commerce.

Le soluzioni SaaS e headless commerce possono aiutare i brand a lanciare rapidamente prodotti e servizi sul mercato.

È un aspetto importante se si considera che viviamo in un ambiente estremamente competitivo, in cui un rallentamento nello sviluppo dell'esperienza utente o nelle ottimizzazioni di prodotto o back-end può dare una marcia in più alla concorrenza.

Piattaforme di e-commerce SaaS

Ambiente di hosting: cloud.

Le piattaforme di e-commerce SaaS semplificano notevolmente la gestione di un'attività online. Anziché creare e sviluppare una soluzione personalizzata o adottarne una open source (che viene spesso modificata così tanto da diventare personalizzata), la piattaforma viene essenzialmente “noleggiata”.

Se si tiene conto dei costi di sviluppo, si tratta di un'opzione molto più economica rispetto alle soluzioni open source.

Il provider SaaS si occuperà di aggiornamenti dei prodotti, sicurezza, hosting, conformità PCI e di ogni altra attività correlata alla gestione del tuo software.

I team di marketing e crescita dei brand di e-commerce sono spesso i più convinti sostenitori delle soluzioni di e-commerce SaaS nelle loro organizzazioni. Con una soluzione SaaS, puoi lanciare un prodotto o un servizio sul mercato in modo rapido e conveniente.

L'impossibilità di accedere liberamente al codice di una soluzione SaaS e la conseguente mancanza di flessibilità e personalizzazione sono spesso una fonte di preoccupazione per i reparti IT e di sviluppo. Le API possono offrire un valido aiuto in questo senso, così come gli ambienti di codifica e staging non proprietari per la creazione dell'esperienza utente.

Le piattaforme che soddisfano i criteri descritti sono spesso definite “Open SaaS”.

Piattaforme di headless commerce

Ambiente di hosting: cloud.

L'headless commerce è una versione dell'e-commerce CaaS in cui il carrello degli acquisti è indipendente dal sistema CMS.

In questi casi d'uso, i brand utilizzano spesso una piattaforma di esperienza digitale (DXP) come Adobe Experience Manager e Bloomreach o un sistema di gestione dei contenuti (CMS) come WordPress o Drupal. Il sistema viene completato integrando una soluzione di carrello degli acquisti e-commerce indipendente.

Spesso, anziché i carrelli indipendenti, vengono utilizzate le tecnologie SaaS in virtù del loro basso costo totale di proprietà e dell'elevata flessibilità delle API.

In passato, i reparti IT e di sviluppo dei grandi brand avevano il controllo effettivo delle attività operative tramite l'hosting on-premise, le piattaforme open source o la creazione di piattaforme proprietarie.

Tuttavia, l'elevato costo degli stack tecnologici monolitici e la necessità di velocità e innovazione ai fini del marketing hanno portato all'adozione delle tecnologie SaaS e dell'hosting sul cloud e allo stravolgimento di questo modello.

L'headless commerce riesce a ovviare a questo problema consentendo un go-to-market più rapido con un costo totale di proprietà notevolmente inferiore.

Ricorrendo alle API, ai plug-in e, se necessario, a tecnologie separate, i brand possono mantenere i propri sistemi monolitici così importanti dal punto di vista operativo.

Altre soluzioni indipendenti a disposizione di un provider di headless commerce includono:

  • Sistemi di gestione dei contenuti (CMS) per creare pagine e blog.
  • Sistemi di pianificazione delle risorse aziendali (ERP), ad esempio per la raccolta di dati.
  • Provider di servizi e-mail (ESP).
  • Gestione delle informazioni sui prodotti (PIM), per consentire la vendita tramite vari canali.
  • Sistemi di gestione degli ordini (OMS), che includono la gestione dell'inventario.
  • Sistemi di punto vendita (POS) per gli elaboratori di pagamento.
  • Marketplace come Amazon o eBay.

Nel livello di presentazione, le API SaaS consentono l'adozione di uno stack tecnologico SaaS moderno, tra cui le piattaforme SaaS di e-commerce, oltre a tutti gli altri aspetti, dagli ESP ai sistemi ERP più leggeri come Brightpearl.

Una buona analogia qui è con l'arredamento IKEA.

I singoli pezzi dell'articolo sono i microservizi che, una volta assemblati, creano un prodotto finale completo.

Per molti brand di e-commerce, il primo passo verso questa architettura basata sui microservizi è l'implementazione dell'headless commerce.

Il brand di arredamenti DTC Burrow utilizza un front-end personalizzato per collegare contenuti e attività commerciali. Usando una configurazione headless, ha potuto creare il tipo di esperienza di acquisto ritenuta più appropriata per i propri clienti.

Kabeer Chopra, cofondatore e CPO di Burrow, spiega:

“Oltre a migliorare le funzioni operative, essere headless ci ha potenziato anche in senso creativo. Usiamo un CMS headless per gestire la modernizzazione della nostra piattaforma e creare un'esperienza digitale eccezionale su più canali”.

Torniamo alla nostra analogia con IKEA e prendiamo ad esempio un comodino tipico.

Se sostituisci il ripiano del comodino con il nuovo ripiano con ricarica wireless, in un certo senso hai seguito l'approccio dell'headless commerce:

hai sostituito la parte front-end per aggiornare il prodotto originale, ma hai conservato la struttura portante e la funzione (il cassetto, ad esempio, è uguale al carrello/checkout).

Quali sono i vantaggi dell'hosting autonomo rispetto al cloud?

È possibile ospitare i siti di e-commerce in due modi:

  • Hosting autonomo
  • Cloud

Nessuna di queste due opzioni rappresenta di per sé una piattaforma.

Si tratta semplicemente della modalità di hosting del sito, ovvero tramite server locali (fisicamente presenti in una sala gestita e controllata dal tuo team) o in sedi esterne (gestiti da una warehouse come Amazon Web Services).

Piattaforme di e-commerce con hosting autonomo

Questo tipo di piattaforme di e-commerce richiede ai proprietari dei negozi di e-commerce di trovare strutture adatte, gestire le installazioni e spesso eseguire aggiornamenti manuali del software.

La gestione di un sito web di e-commerce con software in hosting autonomo richiede agli sviluppatori di mantenere e aggiornare il sito e queste attività possono diventare costose e laboriose.

Un esempio di piattaforma di e-commerce con hosting autonomo è Magento Open Source, scaricabile gratuitamente ma che richiede l'installazione su server: potrai scegliere se ospitarla su server in sede o pagare un provider di hosting. In effetti, la maggior parte delle piattaforme di e-commerce open source può essere implementata in sede o tramite un provider terzo di hosting.

WooCommerce, un plug-in di WordPress, è anche una soluzione di e-commerce spesso ospitata tramite un provider terzo di hosting; con le dovute conoscenze tecniche, puoi tuttavia installarlo sui tuoi server locali.

I vantaggi di questa opzione sono un maggiore controllo della tua piattaforma di vendita al dettaglio online, una maggiore visibilità dei tuoi dati e una migliore comprensione della sicurezza correlata.

Sebbene questa scelta abbia senso per alcune attività estremamente complesse, di solito si traduce in costi più elevati ed entrate inferiori.

Piattaforme di e-commerce con hosting sul cloud

Le piattaforme di e-commerce sul cloud offrono l'hosting ai propri clienti tramite soluzioni esterne, come Amazon Web Services.

Ciò significa che la piattaforma cloud gestisce l'uptime dei servizi del brand. Le piattaforme di e-commerce cloud come BigCommerce garantiscono annualmente il 99,99 % di uptime.

I vantaggi della scelta di una piattaforma di e-commerce ospitata sul cloud sono il costo inferiore (poiché non è necessario un budget per l'acquisto dei server e le relative attività di manutenzione o aggiornamento) e l'assistenza dal provider di servizi di hosting in base alle necessità. 

L'hosting sul cloud presenta anche alcuni svantaggi, tra cui la necessità di pagare i costi di licenza in aggiunta a quelli dell'hosting e un minor controllo sui server, che non potranno essere configurati per soddisfare esigenze specifiche. Inoltre, sei tu il responsabile di tutti gli aspetti relativi alla sicurezza. 

Non tutte le piattaforme di e-commerce ospitate sul cloud offrono l'installazione automatica di patch, aggiornamenti o upgrade: in pratica, solo le soluzioni SaaS e di headless commerce presentano questo vantaggio.

Quali sono le caratteristiche importanti di una piattaforma di e-commerce?

Ogni negozio online ha esigenze particolari e la scelta della piattaforma di e-commerce giusta dipende interamente dalla sua capacità di risolvere i problemi quotidiani all'interno dell'organizzazione.

Tuttavia, ci sono alcuni aspetti fondamentali da valutare nella scelta dei potenziali fornitori.

Caratteristiche importanti di una piattaforma di e-commerce:

  • Ambiente di hosting, nome di dominio, uptime su base annua e larghezza di banda.
  • Volumi illimitati di chiamate API.
  • Strumento di creazione di siti web con temi gratuiti e intuitivi e codifica in linguaggi non proprietari.
  • Marketplace di applicazioni o app store ricco di integrazioni predefinite con i migliori provider di servizi della categoria.
  • Sito ottimizzato per i dispositivi mobili, con checkout ed esperienza completa (pronto all'uso) e completamente personalizzabile.
  • Riduzione dei rischi di conformità PCI.
  • Funzionalità SEO (Search Engine Optimization) e URL completamente personalizzabili in tutto il sito per migliorare il posizionamento del brand su Google, Yahoo!, Bing, ecc.
  • Funzionalità di base di e-commerce integrate, tra cui promozioni e sconti, analisi, gestione del catalogo, editor WYSIWYG, ecc.

Aspetti da considerare nella scelta di una piattaforma di e-commerce

Anche se potresti essere attratto da un piano con costi particolarmente contenuti che soddisfa alcuni dei tuoi criteri, è importante svolgere le dovute ricerche prima di firmare un contratto. È vero che puoi cambiare host in qualsiasi momento, ma eseguire la migrazione del sito può essere complicato per te e per i tuoi clienti. Considera quanto segue:

1. Budget.

I costi di creazione e hosting di un sito di e-commerce sono estremamente variabili e possono essere trascurabili o arrivare a diverse migliaia di dollari o euro. Anche se gli host di e-commerce offrono pacchetti competitivi, è importante capire quali sono le funzionalità incluse per valutare la loro effettiva convenienza.

Un prezzo più alto non si traduce necessariamente in un'esperienza d'uso migliore.

Tuttavia, la scelta dell'opzione più economica di solito implica la successiva ricerca di funzionalità aggiuntive offerte da altri provider. Sommando le varie tariffe che dovrai pagare, questo approccio si rivela di solito come il più costoso.

Prima di scegliere un host di e-commerce, determina il tuo budget per:

  • Progettazione web
  • Programmazione e funzionalità
  • Sicurezza
  • Hosting mensile
  • Manutenzione
  • Licenze d'uso
  • Creazione di app personalizzate

Se scegli l'hosting web autonomo, dovrai eseguire ricerche sui costi di questi servizi ottenibili da altri provider. Se invece ti concentri sulle offerte degli host all-in-one, spesso scoprirai che puoi scegliere un pacchetto premium che include tutte queste funzionalità rimanendo nei tuoi limiti di budget.

2. Destinatari.

Per attirare e coinvolgere il vasto pubblico, è indispensabile fare pubblicità al tuo brand sui social media; pertanto, è opportuno esaminare le funzionalità di marketing offerte da una piattaforma.

Tieni presente che Facebook da solo vanta oltre 2,7 miliardi di utenti mensili attivi, un numero enorme di potenziali clienti.

BigCommerce offre integrazioni predefinite con Facebook e Instagram, per poter pubblicizzare i tuoi prodotti o servizi direttamente sui feed o sugli account principali degli utenti. 

Con l'avvento dei pin acquistabili, di Facebook Shop e di Shopping su Instagram, puoi anche vendere direttamente agli utenti senza che questi debbano lasciare la loro piattaforma preferita.

3. Numero di prodotti offerti.

Alcuni brand offrono un vasto assortimento di prodotti fisici o un numero significativo di varianti per la linea dei prodotti di base.

Se anche tu hai un catalogo di grandi dimensioni e hai bisogno di diverse pagine di prodotto o stai programmando di espandere l'attività, scegliere una piattaforma che può gestire solo un numero ridotto di SKU limita di fatto i vantaggi possibili.

4. Spazio per la crescita.

È importante prendere in considerazione un host web che possa crescere insieme a te: scegli subito l'opzione migliore per prendere familiarità con i suoi servizi man mano che la tua attività si espande.

Quanto traffico ti aspetti sul tuo sito? Se stai appena iniziando, è comprensibile che potresti non aver bisogno di un host capace di gestire un traffico elevato. Ma se punti a crescere, la tua attività di e-commerce potrebbe espandersi rapidamente.

Il tuo host sarà in grado di gestire le richieste di traffico ora e in futuro?

Quali conseguenze potrebbe avere il lancio di una promozione o di una campagna che diventa virale? La tua infrastruttura di hosting deve essere sufficientemente flessibile da gestire i picchi di traffico senza pregiudicare il funzionamento del sito.

L'hosting sul cloud è una delle migliori opzioni per i siti di e-commerce poiché può tenere il passo con il traffico: una rete di computer gestisce le esigenze di hosting del tuo sito, offrendoti di fatto capacità di crescita quasi illimitate.

5. Tipo di servizio clienti disponibile.

La tua piattaforma di e-commerce ti terrà occupato ogni giorno.

Quando arriva il momento, è bene sapere che puoi parlare con qualcuno che ti aiuti a risolvere un problema offrendo assistenza per telefono, e-mail o chat.

Alcune piattaforme esternalizzano il loro servizio clienti e non agevolano affatto le comunicazioni, neppure per le richieste più urgenti.

Noi di BigCommerce riteniamo che tutti i nostri clienti abbiano diritto a ricevere un'assistenza personalizzata.

Confronto tra le migliori piattaforme di e-commerce

Tutte le piattaforme di e-commerce presentano vantaggi e svantaggi. È importante pertanto che le aziende valutino le varie opzioni disponibili in base alle proprie esigenze specifiche e ai casi d'uso.

Ecco una panoramica delle piattaforme di e-commerce più diffuse.

  • BigCommerce
  • Magento
  • Volusion
  • Demandware
  • WooCommerce
  • 3dcart
  • Shopify
  • Kibo
  • PrestaShop
  • Squarespace
  • Big Cartel
  • Wix
  • Ecwid
  • Episerver
  • OpenCart

BigCommerce

BigCommerce è considerato un fornitore di piattaforme Open SaaS e un provider di headless commerce in crescita grazie al basso costo totale di proprietà e alle API altamente flessibili.

La piattaforma offre anche piani per piccole imprese e start-up, con funzionalità integrate e controllo SEO. Le opzioni di integrazione, come il nostro plug-in WordPress headless, rendono la piattaforma una delle migliori soluzioni di headless commerce disponibili.

Magento

Magento è storicamente la soluzione on-premise e open source preferita dai brand che hanno già investito molte risorse nei team IT o di sviluppo. In anni più recenti è stata lanciata Magento 2 (nota anche come Magento Commerce Cloud o Magento Enterprise Cloud Edition), una soluzione open source sul cloud.

Volusion

Volusion è una piattaforma di e-commerce rivolta principalmente a chi vuole creare uno starter store e agli hobbisti.

Alla fine di luglio del 2020, Volusion ha presentato istanza di fallimento ma, in base a quanto pubblicato sul suo blog, la società è ancora aperta e attiva.

Salesforce Commerce Cloud (Demandware)

Salesforce Cloud Commerce, in precedenza nota come Demandware, è un provider di piattaforme di e-commerce SaaS spesso preferito dai rivenditori di moda più prestigiosi.

È un modello Open SaaS come Shopify e BigCommerce.

WooCommerce

WooCommerce è una piattaforma di e-commerce open source che offre una soluzione di carrello integrabile con i contenuti di brand su WordPress.

Viene spesso scelta da chi vuole creare starter store, da hobbisti, blogger che espandono le attività nell'e-commerce e brand che utilizzano sviluppatori più a proprio agio con l'ambiente WordPress.

3dcart

3dcart è un'altra piattaforma di e-commerce SaaS, in genere considerata di nicchia.

Questo fornitore offre assistenza multilingue e soluzioni avanzate per la spedizione, senza bisogno di API.

Shopify

Shopify è un provider di piattaforma di e-commerce SaaS pubblico e ben finanziato. La sua piattaforma è particolarmente apprezzata da chi crea starter store, hobbisti e brand con un numero di SKU inferiore a 100. 

Shopify offre anche una soluzione aziendale chiamata Shopify Plus. Per ulteriori informazioni sui pro e i contro di ciascuna piattaforma, dai un'occhiata a questo ottimo confronto tra Shopify Plus e BigCommerce di Cart Consultants.

Kibo

Kibo è un provider di piattaforme omnicanale che nel 2016 ha acquisito la piattaforma di e-commerce SaaS Mozu.

Mozu è stata sviluppata da zero, offrendo, in teoria, la più moderna soluzione SaaS di e-commerce.

PrestaShop

PrestaShop è una piattaforma di e-commerce open source sul cloud offerta con la formula freemium.

La soluzione può essere utilizzata in 60 lingue diverse ed è diffusa al di fuori dei paesi di lingua inglese, dove il mercato è dominato da altri fornitori di piattaforme, tra cui:

  • BigCommerce
  • Demandware
  • Shopify
  • Magento

Squarespace

Squarespace è un provider di piattaforme per siti web SaaS conosciuto soprattutto per il suo lavoro con la community di professionisti creativi. La sua piattaforma di e-commerce è stata creata per rispondere alle esigenze di questa fascia di utenti che cerca soluzioni di carrello semplici (che includano anche funzioni di recupero) per vendere articoli.

Viene utilizzata principalmente dai professionisti creativi con volumi di SKU ridotti.

Big Cartel

Big Cartel è una soluzione di e-commerce pensata per i piccoli esercenti che non hanno bisogno di una piattaforma sofisticata, tra cui tipicamente gruppi musicali, designer nel settore dell'abbigliamento, creatori di gioielli, produttori e altri tipi di artisti. La piattaforma è molto facile da usare ma, poiché ha un insieme di funzionalità limitato, potrebbe non soddisfare le tue esigenze se hai un catalogo di prodotti di grandi dimensioni.

Wix

Simile a Squarespace, la piattaforma Wix è nota soprattutto per la facile configurazione del sito web e la semplicità d'uso, con un'interfaccia drag-and-drop, prezzi competitivi e temi moderni gratuiti e a pagamento. Spesso è utilizzata da imprenditori e da altri creativi delle piccole imprese e si posiziona come soluzione adatta sia ai principianti che agli utenti esperti che cercano libertà creativa nel lavoro sul sito web.

Ecwid

Con oltre un milione di utenti online, la soluzione Ecwid si è affermata tra i proprietari di piccole imprese. Non si tratta di una piattaforma, ma di un widget destinato agli utenti che desiderano aggiungere un negozio a un sito web esistente. Per gli esercenti con meno di 10 prodotti nel catalogo, Ecwid è una soluzione gratuita. Per cataloghi più grandi, i piani partono da 15 dollari al mese.

Episerver

La piattaforma di Episerver si concentra sui contenuti e sulla personalizzazione. È un'altra soluzione per le architetture headless commerce che mira a integrare funzioni di marketing digitale, gestione dei contenuti ed e-commerce in un solo prodotto. La piattaforma è una scelta popolare tra gli esercenti di fascia media e le grandi aziende ed è progettata per essere abbinata ad altre soluzioni Episerver, come Episerver Find ed Episerver Campaign.

OpenCart

OpenCart è un programma di gestione del negozio online open source. La piattaforma consente agli esercenti di configurare più negozi e opzioni di pagamento, gestire varie opzioni e attributi di prodotto e aggiungere un numero illimitato di prodotti. Questa opzione è diffusa tra le piccole imprese, i freelance e gli esercenti di fascia media.

Domande frequenti sulle piattaforme di e-commerce

Qual è la migliore piattaforma di e-commerce per una piccola impresa?

BigCommerce, Shopify and WooCommerce are the most common ecommerce platforms for small businesses.

A seconda della tua esperienza e delle esigenze specifiche del tuo brand, ogni piattaforma presenta vantaggi e svantaggi.

È meglio per una start-up utilizzare una piattaforma di e-commerce o creare una soluzione personalizzata?

La maggior parte delle start-up di e-commerce utilizza una piattaforma di e-commerce, in particolare una soluzione SaaS.

Le piattaforme di e-commerce SaaS consentono ai brand di noleggiare la tecnologia a un costo ridotto, agevolando così l'ingresso al settore delle vendite online.

Le soluzioni personalizzate richiedono notevoli risorse finanziarie in fase di creazione e comportano tempi di accesso al mercato più lunghi.

Esistono piattaforme di e-commerce gratuite?

No, non sono disponibili piattaforme di e-commerce gratuite.

I costi di un sito web per l'e-commerce variano. La maggior parte delle piattaforme open source è tecnicamente gratuita, poiché non esistono costi di licenza per il piano di e-commerce; tuttavia, i costi di hosting e sviluppo sono elevati.

Le piattaforme SaaS addebitano una tariffa mensile ricorrente.

I costi variano da 7 a 50 000 dollari o più al mese.

Visualizza altro
Posso integrare la mia piattaforma di e-commerce con un negozio Amazon?

Puoi inviare i dati dei tuoi prodotti da una piattaforma di e-commerce ad Amazon o viceversa. È il modello di vendita multicanale, caratterizzato dalla vendita dei prodotti sia sul tuo sito web che su un marketplace, in questo caso Amazon.

Quali sono i linguaggi di programmazione utilizzati per creare le piattaforme di e-commerce?

La maggior parte delle piattaforme di e-commerce è scritta in linguaggi di programmazione ampiamente diffusi, tra cui:

  • Ruby on Rails
  • PHP
  • JavaScript
  • CSS

Molte aziende SaaS utilizzano un livello di astrazione per il proprio linguaggio di programmazione.

Shopify, ad esempio, ha usato il linguaggio proprietario Liquid come livello di astrazione per Ruby on Rails, mentre BigCommerce usa Handlebars.

Quali sono le migliori piattaforme di e-commerce per le aziende con esigenze di scalabilità?

Una piattaforma di e-commerce ospitata sul cloud è una buona scelta per le aziende con esigenze di scalabilità. 

L'hosting sul cloud è una delle migliori opzioni per i siti di e-commerce poiché può tenere il passo con il traffico: una rete di computer gestisce le esigenze di hosting del tuo sito, offrendoti di fatto capacità di crescita quasi illimitate.

Posso integrare la mia piattaforma di e-commerce con i canali social?

Sì, alcune piattaforme di e-commerce dispongono di funzionalità di integrazione con i canali social. 

BigCommerce offre integrazioni predefinite con Facebook e Instagram, per poter pubblicizzare i tuoi prodotti o servizi direttamente sui feed o sugli account principali degli utenti.

Con l'avvento dei pin acquistabili, di Facebook Shop e di Shopping su Instagram, puoi anche vendere direttamente agli utenti senza che questi debbano lasciare la loro piattaforma preferita.

Qual è la piattaforma di e-commerce più semplice da utilizzare?

La facilità d'uso di una piattaforma di e-commerce dipende dall'esperienza tua e del tuo team nel gestirne gli aspetti tecnici e dalle esigenze della tua attività. Sebbene alcune piattaforme abbiano molte funzionalità pronte all'uso che semplificano le cose, potrebbero comunque richiedere un periodo di apprendimento. Tutto dipende dal tuo team, dal suo livello di esperienza tecnica e dal tuo piano aziendale.

Quanto tempo occorre per lanciare un negozio online su una piattaforma di e-commerce?

Il tempo necessario per lanciare un negozio online su una piattaforma di e-commerce dipende da diversi fattori, tra cui:

  • Il tipo di piattaforma di e-commerce scelta e la sua facilità d'uso.
  • La larghezza di banda a tua disposizione per completare il lancio.
  • La quantità di prodotti e/o servizi da pubblicare sul negozio.

Alcune aziende lanciano il loro negozio online in un giorno o una settimana, mentre per altre potrebbe essere necessario più tempo.

Ho bisogno di una piattaforma di e-commerce per vendere online?

Sì, per vendere prodotti online devi disporre di una piattaforma di e-commerce.

Le sole alternative a una piattaforma di e-commerce sono:

  • Crearne una da zero, un compito al di fuori della portata della maggior parte delle aziende e giustificabile solo per le imprese più grandi senza problemi di budget.
  • Usare un plug-in, soluzione non proponibile se stai cercando di costruire e far crescere un'attività legittima, anche di piccole dimensioni.

Una vetrina online ben realizzata che sfrutta una piattaforma di e-commerce ti aiuterà ad ampliare la portata della tua attività con strumenti SEO e a creare un rapporto di fiducia con i clienti grazie a un'esperienza online unica.

Quale piattaforma di e-commerce utilizza Amazon?

In virtù delle sue dimensioni uniche tra le aziende del settore commerciale, Amazon usa una soluzione sviluppata internamente. Amazon Web Services dispone di una soluzione cloud di e-commerce creata per le imprese di varie dimensioni.

Visualizza meno

Sfoglia più risorse

trovare la migliore piattaforma di e-commerce
Articolo
Trovare la miglior piattaforma di e-commerce per le esigenze della tua azienda
Leggi l'articolo
piattaforme di e-commerce B2B
Articolo
Come trovare la miglior piattaforma di e-commerce B2B
Leggi l'articolo
Miniatura generica con layer dashboard prodotti e-commerce e scheda personalizzata
Articolo
La potenza combinata dei contenuti e del commercio: come la tecnologia headless può portare la tua strategia di content marketing al livello successivo
Leggi l'articolo
tipi di modelli di business per l'e-commerce
Articolo
Tipi di modelli di business per l'e-commerce: opzioni tradizionali e innovative da tenere in considerazione
Leggi l'articolo
tendenze e-commerce B2B
Articolo
7 tendenze di e-commerce B2B da seguire per il 2020 e gli anni a venire
Leggi l'articolo
Miniatura articolo headless commerce, catalogo, prodotto, persona, BigCommerce
Articolo
Punta sull'esperienza: come la tecnologia headless può offrire l'acquisto esperienziale che i clienti desiderano
Leggi l'articolo
Miniatura generica articolo, Page Builder, trasferimento catalogo
Articolo
Progettazione base di siti per l'e-commerce: come posizionare il tuo negozio online per farlo crescere
Leggi l'articolo
Miniatura generica articolo vendita all'ingrosso, confezione, pagamento, donna che si mette la crema
Articolo
Un'occhiata più da vicino all'e-commerce per la vendita all'ingrosso
Leggi l'articolo
Miniatura scheda personalizzata, vetrina, dashboard, codice, crescita, BigCommerce
Articolo
Storie di successo di headless commerce: come 4 brand hanno affrontato sfide difficili grazie a tecnologie innovative
Leggi l'articolo