Il modello BOPIS (Acquista online, ritira in negozio) soddisfa le necessità dei consumatori e genera un incremento dei profitti per i rivenditori: scopri come

Collage storefront device product jacket analytics stencil

Inizia la prova gratuita di 15 giorni, non è richiesta la carta di credito.

I rivenditori di oggi adottano il modello BOPIS per soddisfare le aspettative dei clienti. Il modello Acquista online, ritira in negozio (o BOPIS) è il modo perfetto per attrarre visitatori nel tuo negozio fisico e collegare le loro esperienze online e offline.

Chiamata anche click-and-collect, l'opzione ha preso particolarmente piede durante la pandemia di COVID-19. Un sondaggio di Digital Commerce 360 uscito ad agosto 2020 rivelava che il 43,7% dei 500 migliori rivenditori titolari di negozi fisici offrivano anche l'opzione BOPIS, percentuale che prima della pandemia risultava del 6,9%. E, specie se abbinato alla tendenza del ritiro in strada, il modello agevola gli acquisti in sicurezza, poiché minimizza o elimina totalmente il tempo che i clienti passano in negozio.

Mentre i rivenditori implementano sempre più spesso questa modalità nella propria strategia di vendita omnicanale, è importante comprendere di cosa si tratta e perché i clienti la richiedono. In questo articolo, risponderemo alle seguenti domande:

  1. Cosa si intende per BOPIS?
  2. Come funziona il BOPIS?
  3. Quali sono i requisiti da soddisfare per poter offrire questa modalità?
  4. Quali sono i vantaggi per i rivenditori che utilizzano il modello BOPIS?
  5. Perché i clienti stanno scegliendo questa opzione?
  6. Perché i rivenditori stanno scegliendo questa opzione?
  7. Alcuni esempi di marchi che stanno utilizzando questa modalità con successo.

Cosa si intende per BOPIS?

BOPIS sta per Acquista online, ritira in negozio. La pratica di offrire il ritiro in negozio è cresciuta assieme all'agenda dei consumatori, sempre più fitta di impegni: avendo poco tempo per fare shopping, questi ultimi preferiscono ora comprare comodamente online. Il modello BOPIS consente ai rivenditori di fondere l'esperienza online e quella in negozio in modo da continuare a interagire coi clienti e offrire loro al contempo un modo più conveniente di fare shopping.

Potrebbero inoltre interessarti anche questi "cugini" del BOPIS:

  • BOPAC: acquista online, ritira in strada, una modalità affine al BOPIS in cui il cliente riceve la merce acquistata all'esterno del negozio, spesso senza neanche bisogno di scendere dall'auto.
  • BORIS: acquista online, restituisci in negozio.
  • ROPIS: ordina online, ritira in negozio. Questo metodo consente ai clienti di ordinare un articolo che pagheranno e ritireranno in negozio in un secondo momento.

Cos'hanno in comune questi modelli? Tutti consentono di fondere l'esperienza online con quella in negozio, affinché i clienti possano fluire senza problemi da un canale all'altro.

Come funziona il BOPIS?

Gli acquirenti demandano scelta e flessibilità nella gestione dei propri ordini, e vogliono avere la possibilità di completare i propri acquisti o rendere la merce che non li soddisfa in modo facile e veloce. Il modello BOPIS permette di offrire una maggiore convenienza, consentendo ai consumatori di decidere quali sono gli articoli che vogliono ritirare subito e quali quelli per cui sono disposti ad attendere la consegna. Ecco come funziona:

1. Gli utenti acquistano online, tramite un sito web o un'applicazione per dispositivi mobili.

Quando scelgono il modello BOPIS, è importante che i rivenditori aggiungano convenienza consentendo ai clienti di effettuare gli acquisti online o tramite app, e di selezionare simultaneamente l'orario e il negozio per il ritiro della merce. Avendo l'opportunità di visualizzare l'inventario disponibile in tempo reale, il consumatore può scegliere dove e quando ritirare gli articoli acquistati.

2. Il negozio elabora gli ordini effettuati online.

Quando un cliente ordina tramite BOPIS, gli scenari sono due.

Se l'articolo è disponibile nel negozio scelto dal cliente, un dipendente del punto vendita potrà utilizzare un'app per localizzare, reperire e confezionare l'ordine, e metterlo da parte. Quando la preparazione dell'ordine sarà completata, il dipendente invierà un'e-mail o una notifica al cliente, per informarlo che la merce è pronta per il ritiro. Questo risparmierà all'acquirente tempo prezioso: non dovrà infatti cercare personalmente il prodotto in negozio. Consentirà inoltre al dipendente del punto vendita di evadere l'ordine senza alcuna barriera fisica.

D'altro canto, se l'articolo non è disponibile in magazzino, il dipendente dovrà reperirlo presso un punto vendita o un magazzino vicini. Una volta che la merce sarà giunta in negozio, il cliente riceverà una notifica e potrà ritirarlo non appena gli è possibile.

3. Il cliente ritira l'ordine.

L'acquirente può entrare in negozio e recarsi in un'area dedicata ai ritiri, dove riceverà la merce da un addetto. Come menzionato sopra, molti negozi stanno facendo un ulteriore passo avanti, consentendo il ritiro in strada: il cliente passa in auto davanti al punto vendita e riceve la merce senza neanche dover scendere.

In entrambi i casi, i consumatori devono ricevere istruzioni chiare su come ritirare i prodotti acquistati, tramite un messaggio di testo, una notifica push o un'e-mail contenenti il codice (ordinario o QR) necessario per il ritiro e il punto nel negozio in cui dovranno recarsi per ricevere la merce.

Requisiti per offrire il modello BOPIS

Ora che sai cos'è e come funziona il modello BOPIS, è importante capire se il tuo negozio dispone di tutto il necessario per offrirlo come opzione ai clienti. La buona notizia è che implementarlo è molto facile, avrai bisogno solo di quanto segue:

1. Un sito web o un'app tramite i quali è possibile effettuare gli ordini.

I rivenditori devono disporre di un sito web o di un'applicazione che consenta ai clienti di acquistare gli articoli del loro marchio, collegando di fatto l'esperienza online con quella offline. Questa piattaforma dovrebbe fornire l'accesso in tempo reale all'inventario disponibile, per garantire un'esperienza attendibile e di qualità.

Poiché ora gli smartphone accompagnano gli utenti in ogni momento della giornata, non stupisce che questi ultimi vogliano poter fare acquisti anche tramite questi dispositivi, specie se prevedono di ritirare in negozio. I rivenditori possono utilizzare l'app per comunicare in modo proattivo con i clienti, ricorrendo ad esempio alle notifiche push per ogni passaggio del percorso di acquisto (per informarli che l'ordine è stato ricevuto, per aggiornarli sul fatto che la merce è in preparazione e per confermare che i prodotti sono pronti per il ritiro), il tutto sul loro dispositivo mobile.

2. Almeno un negozio fisico.

Ovviamente, il modello BOPIS non funziona per i negozi con presenza esclusivamente online. I rivenditori dovranno disporre di almeno una sede fisica in grado di gestire gli ordini e fungere da centro di ritiro per i clienti. Tale punto vendita dovrà inoltre avere una posizione strategica facilmente raggiungibile, dando al rivenditore la possibilità di incrementare il numero di visite in negozio.

3. Disponibilità dell'inventario in tempo reale.

I rivenditori dovranno avvalersi delle tecnologie che consentano loro di mostrare al cliente un inventario costantemente aggiornato. Questo prevede il collegamento di tutte le componenti del proprio sistema di gestione, in modo da permettere un'analisi in tempo reale degli stati degli ordini, dei flussi di lavoro, delle tempistiche complessive, della gestione delle sedi e del coinvolgimento dei clienti.

Se disponi di sedi multiple, è molto importante che la soluzione che adotterai si possa connettere al tuo inventario POS presente in tutte queste sedi, per fornire quel tipo di visibilità al cliente.

La performance del modello BOPIS nel settore della vendita al dettaglio

Il modello BOPIS è molto popolare ed efficace, sia tra i rivenditori che tra gli acquirenti, i numeri parlano chiaro. Dai un'occhiata ai dati, che sottolineano la modalità con cui i clienti utilizzano questo modello e cosa i rivenditori possono fare per approfittare di questo cambiamento nelle abitudini di acquisto.

1. Il 56% dei consumatori prevede di continuare a utilizzare il modello BOPIS anche una volta terminata l'emergenza COVID-19.

Un report della McKinsey and Co. ha rivelato che anche in un mondo post-pandemia, gli utenti prevedono di mantenere alcuni dei comportamenti di acquisto adottati nell'ultimo anno. Il BOPIS non è una tendenza destinata a scomparire, perché gli acquirenti hanno iniziato ad apprezzare gli innumerevoli vantaggi che una soluzione omnicanale è in grado di offrire. 

2. Il 65% degli utenti intervistati utilizza il BOPIS per risparmiare sui costi di spedizione.

Hai mai provato a ordinare un prodotto online per poi scoprire che la spedizione non è inclusa nel prezzo? Questo generalmente scoraggia gli utenti, che spesso abbandonano il carrello. Infatti, il 65% dei consumatori afferma anche che prima di aggiungere gli articoli al carrello controlla la soglia dopo la quale la spedizione è gratuita. È per questo che il BOPIS è un modo perfetto per far risparmiare tempo e denaro sia agli acquirenti che ai rivenditori.

Perché i clienti scelgono il modello BOPIS

Detto questo, perché i clienti continueranno a scegliere il BOPIS anche una volta che il COVID-19 cesserà di essere un fattore determinante? I consumatori cercano un'esperienza di shopping comoda e che consenta loro di risparmiare soldi e tempo. Il COVID-19 ha magari dato una spinta al cambiamento nelle abitudini di acquisto, portando le persone a limitare il tempo passato in negozio, ma non è di certo l'unico fattore che ha determinato l'espansione del modello BOPIS.

1. Nessun costo di spedizione.

A meno che un rivenditore non offra la spedizione gratuita, può essere significativamente più costoso per un cliente richiedere la consegna a casa dei prodotti ordinati. L'alternativa che permette agli acquirenti di risparmiare tempo e denaro è quella di ritirare la merce in negozio, anziché pagare oltre 3 euro per ricevere un singolo articolo a casa. Allo stesso tempo, potranno comunque selezionare la merce e ordinarla comodamente da casa.

2. Servizio più rapido.

I clienti che abbiano bisogno immediato di un prodotto scopriranno che è molto più veloce ordinare l'articolo online e ritirarlo dopo un'ora, piuttosto che attendere 2 giorni o anche di più per la consegna di Amazon. Far giungere l'articolo nelle mani del cliente rapidamente è essenziale, e il modello BOPIS offre proprio questa opportunità.

3. Disponibilità certa.

Il modello BOPIS aiuta anche ad assicurarsi che il prodotto desiderato sia disponibile nel negozio scelto, una volta pronto per il ritiro. L'ultima cosa che i consumatori vogliono è acquistare un articolo tramite app e selezionare la modalità BOPIS per poi giungere in negozio e scoprire che il prodotto non è disponibile o è stato sostituito da un altro articolo.

I vantaggi del BOPIS per i rivenditori

Anche i rivenditori stanno scoprendo i vantaggi del BOPIS come metodo complementare al successo a lungo termine. I punti vendita fisici hanno un vantaggio competitivo su Amazon e sugli altri rivenditori che offrono esclusivamente il canale online, e il BOPIS è il modo ideale per rafforzare la propria strategia omnicanale.

1. Acquisti extra da parte dei clienti.

Quando i clienti si recano in negozio per ritirare i propri ordini, potrebbero essere tentati di dare un'occhiata in giro e acquistare altri prodotti ancora. O magari potrebbero rendersi conto di aver dimenticato di aggiungere qualcosa al carrello. In ogni caso, questa è l'occasione perfetta per incrementare l'upselling.

2. Costi di spedizione inferiori.

Spedire gli ordini da un centro di distribuzione del rivenditore alla porta del cliente può essere costoso per chi vende, sia in termini di manodopera che di imballaggio. I rivenditori possono risparmiare sulle spedizioni a corto raggio consentendo ai clienti di ritirare la merce in negozio, senza per questo rinunciare a un'opzione di spedizione veloce e gratuita.

3. Una migliore gestione dell'inventario.

Con il modello BOPIS, le aziende non hanno più bisogno di sistemi di inventarizzazione distinti, per i propri canali online e offline. Per gestire gli ordini, sarà possibile attingere dai centri di distribuzione o dagli scaffali dei negozi fisici, a seconda di quale opzione risulti più veloce. I rivenditori avranno quindi accesso a un inventario più ampio. Combinando e ottimizzando i due sistemi, potranno inoltre ottenere una panoramica migliore sui prodotti disponibili in tempo reale.

Esempi di marchi ecommerce che offrono il modello BOPIS

Non c'è bisogno di essere una grande catena con migliaia di negozi, per offrire la modalità BOPIS. Infatti, Randem Retail offre un'app che funziona in combinazione con la piattaforma di BigCommerce per rendere il BOPIS accessibile alle imprese di qualsiasi dimensione. 

Questa nuova app BOPIS si collega facilmente con il tuo inventario POS su più canali e supporta connessioni predefinite a Vend, Heartland Retail e altri ancora (disponibili molto presto), nonché le API per un'integrazione personalizzata. 

Ecco tre esempi di clienti che utilizzano con successo questa soluzione.

Scooter Hut.

Scooter hut bopis

Questo rivenditore australiano di scooter per tutte le età è riuscito a impiegare con successo il modello BOPIS. La catena include otto negozi sparsi in tutta l'Australia. Sul loro sito, i clienti possono facilmente selezionare il punto vendita più vicino per verificare la presenza di inventario disponibile.

Ackroyd’s Scottish Bakery.

Ackroyds scottish bakery bopis

Nato come macelleria di famiglia negli Anni 40, Ackroyd's è ora una popolare panetteria situata appena fuori Detroit, a Redford, in Michigan. Per via del COVID-19 il negozio è stato costretto a chiudere, ma accetta ora ordini con consegna in strada. Il negozio utilizza inoltre anche il proprio sito ecommerce per spedire i propri prodotti in tutta la nazione. Il sito del marchio spiega: "Questo cambiamento ci ha dato l'opportunità di espanderci a livello nazionale e di avere al contempo una panoramica completa sulla produzione e sull'inventario. Il nostro obiettivo è quello di continuare l'attività per molti anni a venire e, fortunatamente, la scelta di offrire il ritiro in strada e la spedizione a livello nazionale sembra funzionare particolarmente bene per noi".

Riepilogo esecutivo

I rivenditori che cercano di implementare una strategia BOPIS/BORIS/ROPIS per migliorare la propria portata e l'esperienza offerta ai clienti devono assicurarsi di soddisfare i seguenti requisiti, per farlo nel modo giusto:

  1. Un sito web o un'app tramite i quali è possibile effettuare gli ordini.
  2. Almeno un negozio fisico.
  3. Disponibilità dell'inventario in tempo reale.

Il COVID-19 avrà anche dato il via alla crescita vertiginosa del BOPIS dell'ultimo anno, ma non significa che questa tendenza sia destinata a svanire. I consumatori sono alla continua ricerca di convenienza, motivo per il quale i rivenditori stanno adottando questo modello per competere contro Amazon e sfruttare al massimo i propri negozi fisici, usandoli come centri di gestione degli ordini e facendo arrivare gli articoli nelle mani dei clienti sempre più rapidamente.

FAQ

Cosa significa BOPIS?

BOPIS sta per Acquista online, ritira in negozio. Il modello è una strategia di vendita omnicanale che permette ai clienti di godere della convenienza di un acquisto online tramite un sito ecommerce e di ritirare poi la merce di persona in un negozio fisico.

Come funziona il BOPIS?

Come suggerito dal nome, BOPIS consente agli acquirenti di comprare online e ritirare in un punto vendita reale. Dal punto di vista del titolare del negozio, per aggiungere un'opzione BOPIS è necessario avere un sito ecommerce dal quale gestire inventario e notifiche. Per garantire ai clienti un'esperienza positiva con questo modello, sarà invece cruciale che i prodotti che risultano disponibili nel negozio da loro scelto lo siano davvero. 

Qual è la relazione tra BOPIS e il ritiro in strada?

Il ritiro in strada, chiamato anche BOPAC, è una sottocategoria del BOPIS. Opzione disponibile da lungo tempo, ha guadagnato crescente popolarità in tempi di COVID-19, poiché la pandemia ha portato le persone a evitare il contatto fisico e lo shopping in luoghi chiusi il più possibile. Il ritiro in strada è talmente efficiente e conveniente che è probabilmente destinato a sopravvivere alla pandemia.

Visualizza altro
Quali vantaggi offre il modello BOPIS ai clienti?

Il modello BOPIS consente ai consumatori di evitare la delusione di recarsi in negozio per scoprire che il prodotto che cercano non è disponibile. Inoltre, spesso permette loro di ritirare la merce il giorno stesso in cui effettuano l'ordine, offrendo un vantaggio in più rispetto alla spedizione, che porta con sé non soltanto i costi correlati, ma anche tempi più lunghi.

Quali sono i vantaggi del modello BOPIS per i rivenditori?

Quando un cliente accede al tuo negozio fisico per ritirare l'ordine, potrebbe essere tentato di acquistare altri articoli. Anche nel caso del ritiro in strada, che non prevede l'ingresso del cliente nel negozio, la convenienza offerta dal tuo marchio può garantirti un vantaggio competitivo.

Quali sono le prospettive per l'utilizzo del modello BOPIS dopo la pandemia di COVID-19?

Sebbene il COVID-19 sia stato sicuramente un fattore "accelerante", il BOPIS era già un modello in crescita prima dell'inizio dell'emergenza. E non sembra accennare a scomparire. In un recente sondaggio, oltre la metà degli intervistati ha dichiarato che continuerà a utilizzare questa modalità anche quando tornerà a sentirsi al sicuro all'interno di un negozio.

Cosa serve per lanciare il programma BOPIS?

Per lanciare il programma all'interno del tuo negozio hai bisogno di un sito ecommerce, di almeno un negozio fisico e di una soluzione di gestione dell'inventario. Se hai più punti vendita, è importante fornire una soluzione che dia ai clienti una panoramica completa dell'inventario disponibile in ciascuna sede.

Sfoglia più risorse